Gilberto Fulvi

(Psicologo, Art counselor, Formatore, Coach)

Psicologo, regolarmente iscritto all’Albo degli Psicologi della Lombardia con il numero 19805, Coach, certificato presso la EEC di Torino, ricevo i miei clienti, pazienti e coachee, Online, On the Job e presso lo Studio Mentecorpo di Milano. Come Freelance, collaboro con aziende e organizzazioni, pubbliche e private, sia nazionali che estere, offrendo sostegno psicologico, coaching, consulenza organizzativa, formazione, training, esperienze trasformative e team building. La modalità fenomenologica, costruttivista, eclettica e transdisciplinare del mio stile professionale, si riflette perfettamente all’interno del progetto Psychopop, di cui sono il fondatore.

La Gestalt Therapy, l’Ontologia del Linguaggio e la Mediazione Artistica sono gli assi principali del mio stile professionale che trova nell’essere in ascolto, nell’espressione consapevole e nell’interazione con l’altro, il principale strumento di cambiamento personale.

 Curriculum Vitae

 

Alberto Agosti

(Psicologo dinamico)

Counselor, con background accademico e lavorativo bi-culturale, ho studiato economia in Italia (laurea presso l’Università di Pavia e Master all’Università Cattolica) e Psicologia negli Stati Uniti (due master all’Università del Texas ad Austin). Ho lavorato in Italia a Telecom Italia per 10 anni e, conseguentemente ai miei studi in psicologia, ho lavorato come terapeuta in studi privati per oltre 10 anni consigliando individui, coppie e gruppi.

Alla fine del 2018 sono tornato a Milano dove lavoro come consulente privato e Business di Executive Coach, in attesa dell’omologazione della professione di psicoterapeuta presso il MIUR e della certificazione ICF ACSTH come Coach.

 

Federica Repaci

(Psicologa, Psicoterapeuta in formazione)

Sono una Psicologa, regolarmente iscritta all’ Ordine degli Psicologi della Lombardia con il numero 22862. Ho conseguito il titolo triennale di Dottore in Scienze e Tecniche Psicologiche e magistrale in Neuroscienze Cognitive, presso l’Università Vita Salute San Raffaele di Milano. L’unione di attività clinica e di ricerca ha caratterizzato non solo il mio percorso formativo ma anche l’esperienza sul campo maturata presso il reparto di Psichiatria dell’Ospedale San Raffaele, dove mi sono occupata del trattamento dei disturbi psicotici, collaborando con diversi progetti di ricerca.

Attualmente mi sto formando come psicoterapeuta cognitivo-costruttivista, portando avanti la mia passione per l’attività clinica da una prospettiva olistica che promuove il benessere psico-fisico. Credo fortemente che un equilibrio mentale ed emotivo sia raggiungibile solo coltivando la cura di sé e del sistema mente-corpo. 

 

Progetto

All’interno dello scenario contemporaneo, dove il passato, come modello utile ad affrontare i problemi del presente, sembra perdere valore e il futuro sembra sempre più imprevedibile, PsychoPop si propone come luogo creativo e ricreativo dove dilatare il tempo e implementare le capacità di risposta relazionale di cui abbiamo bisogno.

Il fiume modella le sponde e le sponde guidano il fiume.

Visione

Diventare un punto di riferimento per la condivisione e la fruizione dei saperi e delle pratiche psicologiche di base, volte alla promozione del benessere e dell’eccellenza relazionale, psicofisica e psicosociale della popolazione e dei suoi membri.

Vari son degli uomini i cervelli.

Valori

  • Diversità: esplicitare le differenze che originano l’informazione.
  • Coerenza: unire il sentire, il pensare, il dire e il fare.
  • Affidabilità: essere responsabili delle proprie promesse.
  • Prossimità: avvicinarsi al punto di vista dell’altro.
  • Creatività: comprendere in senso narrativo e maieutico.

Il codice etico di PsychoPop si rifà al diritto inalienabile di ogni essere vivente alla salute e al benessere, senza discriminazione alcuna sulla base della provenienza sociale, sesso, età, religione, condizioni materiali, etnia o ideologia politica.

Non vado mai a pezzi perché non sono mai tutto intero.

Missione

L’obiettivo di PsychoPop è duplice:

  • promuovere la salute della popolazione, ossia quello “stato di completo benessere fisico, mentale e sociale e non semplicemente l’assenza di malattia o infermità” (documenti ufficiali dell’Organizzazione mondiale della sanità, No 2, p. 100, in vigore dal 7 aprile 1948);
  • sviluppare una cultura psicologica popolare attraverso lo studio, la sperimentazione e la condivisione di differenti metodi volti alla soddisfazione dei bisogni esistenziali, personali o professionali, di individui, gruppi e organizzazioni.

Le persone sono più baciabili quando non sono truccate.

CONTATTAMI